Scuola Superiore di Catania
Ssc

Scuola Superiore, diploma "interno" a 6 allievi

Cerimonia di consegna mercoledì 1° ottobre

 
 
02 ottobre 2008
Vetri_Vitale_Marchese_Mongioj.jpg

Si sono svolte mercoledì scorso, nei locali della Scuola Superiore di Catania, le sessioni di esame per gli studenti iscritti ai corsi ordinari che hanno conseguito il diploma interno per gli studenti della Ssc, titolo accademico che gli allievi "eccellenti" inseriscono nel proprio curriculum universitario.

Per l'area scientifica hanno conseguito il titolo Domenico Vetri (laurea triennale in Chimica, relatore prof. Placido G. Mineo), Silvia Rita Vitale (laurea triennale in Scienze biologiche, relatori prof.ssa Stefania Stefani e dott.ssa Viviana Cafiso), Giuseppina Marchese (laurea magistrale in Biologia sanitaria, relatori prof.sse Stefania Stefani e Maria Lina Mezzatesta) e Angelo Mongioj (laurea magistrale in Ingegneria Gestionale, relatori prof.ssa Daniela Giordano e ing. Francesco Maiorana) - nella foto a fianco.


Orazio Portuese (Lettere Classiche).jpg

Per l'area umanistica, invece, la pergamena è stata consegnata a Orazio Portuese (laurea triennale in Lettere classiche, relatore prof.ssa Rosa Maria D'Angelo) - foto a sinistra - e Grazia Pellegrino (laurea in Giurisprudenza, relatore prof.ssa Vania Patanè) - foto in basso -.

Questo traguardo, per questi studenti accuratamente selezionati all'inizio della loro carriera accademica attraverso un concorso di ammissione molto rigoroso, rappresenta, oltre a una enorme soddisfazione professionale, un efficacissimo trampolino di lancio per inserirsi nel mondo accademico e nel mondo della ricerca.

Infatti la Scuola Superiore di Catania, presieduta dal prof. Enrico Rizzarelli, abitua i propri allievi al lavoro di ricerca sin dal primo anno del corso di studi: tutti gli studenti della Scuola Superiore, terminato il loro iter accademico, sono già autori di lavori di ricerca pubblicati in riviste scientifiche specializzate di livello nazionale e internazionale.

Grazia Pellegrino (Giurisprudenza).jpg

Si tratta di una vera e propria fucina di talenti, ove i "cervelli" non del futuro ma del presente, si esercitano quotidianamente. Nell'augurio che non si vedano costretti a fuggire all'estero, come, purtroppo, accade ancora spesso.

La Scuola Superiore di Catania è nata anche per questo: per offrire la possibilità al 'capitale umano' del nostro Paese di trovare qui, in Italia e soprattutto in Sicilia, le occasioni per esprimersi e servire, con le proprie competenze, la collettività.