Cutgana
Melilli

Inaugurata l'ottava edizione della "Settimana Unesco di Educazione allo sviluppo sostenibile"

Oltre 400 gli studenti della scuola secondaria di I grado di Melilli centro e Villasmundo coinvolti nel progetto finalizzato a promuovere la cultura del rispetto, della valorizzazione, della bellezza e che prevede anche la mostra di documenti antichi relativi alla Chiesa, al Loggiato e alla piazza San Sebastiano

 
 
19 novembre 2013
Melilli Settimana Unesco 19 novembre (2).jpg
E' stata inaugurata sabato scorso l'ottava edizione della "Settimana Unesco di Educazione allo sviluppo sostenibile" dedicata ai temi del paesaggio, bellezza e creatività e della "Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti Serr" nell'auditoriom della scuola secondaria "Rizzo" di Melilli. Oltre 400 gli studenti della scuola secondaria di I grado di Melilli centro e Villasmundo coinvolti nel progetto finalizzato a promuovere la cultura del rispetto, della valorizzazione, della bellezza e che prevede anche la mostra di documenti antichi relativi alla Chiesa, al Loggiato e alla piazza San Sebastiano.
All'inaugurazione è intervenuto anche il sindaco Giuseppe Cannata e l'assessore alla Pubblica istruzione Salvo Sbona, il dirigente scolastico del I Istituto comprensivo di Melilli, Angela Fontana, e la docente referente del progetto, Nella Tranchina.
"L'apertura della mostra ed il connubio delle due azioni educative rappresentano un'occasione unica e importante per valorizzare l'impegno di tante realtà che cercano di migliorare insieme l'agire locale" ha spiegato il dirigente scolastico Fontana, mentre la docente Tranchina ha chiarito il filo conduttore che lega l'azione relativa all'Unesco Dess sul tema "Melilli e San Sebastiano valorizziamo i luoghi e le tradizioni" ed al Serr sul tema "Riduci, ripara, riutilizza, ricicla!".


Melilli Settimana Unesco 19 novembre (1).jpg
Il progetto prevede, in occasione del cammino verso il 600° Anniversario (maggio 2014) dell'arrivo a Melilli del simulacro del patrono di Melilli, la valorizzazione del sito in cui, stando alle narrazioni del tempo, è stata ritrovata la statua. Un sito non conosciuto dalle nuove generazioni circondato da insediamenti industriali e lasciato in abbandono. L'iniziativa è stata organizzata con la collaborazione di Contesti e Cambiamenti, Cutgana dell'Università di Catania (il centro interdipartimentale diretto da Giovanni Signorello), Cif-Centro Femminile Italiano sez di Melilli, Parrocchia di San Sebastiano e Chiesa Madre, Morrone Editore Legambiente Timpa Ddieri, Ufficio ecologia del Comune di Melilli, Irssat, "Rifiuti zero di Siracusa" Fratres.
Sono intervenuti anche lo storico  Paolo Magnano, la vice presidente del CIF Maria Gianino, padre Giuseppe Blandino della Basilica di San Sebastiano, Pietro Pitruzzello del Cutgana, Concita Musumeci di Contesti e Cambiamenti, Giuseppe Bianco presidente dell'Irssat, la presidente del Cif sez di Melilli Tina Pitruzzello, l'editore Carlo Morrone, la presidente di Legambiente Timpa Ddieri Emilia Ferrara.
Cento alunni della scuola di Melilli centro e della frazione, inoltre, hanno visitato il CCR centro comunale di raccolta rifiuti ed appreso i meccanismi del servizio porta a porta di raccolta dei rifiuti ingombranti.